Newsletter

La Newsletter di Lexambiente
Notizie sugli aggiornamenti del sito
QUI

Edizione 2013

Edizione 2013 Aggiornata

informazioni

Richiesta sentenze e leggi

Se non hai trovato nella sezione "Cerca nel sito" un testo di legge o una sentenza scrivi a Lexambiente. 
Lo riceverai gratuitamente via posta elettronica.
Quanto da te richiesto verrà poi inserito nell'archivio a disposizione di tutti gli utenti.

Leggi le istruzioni qui
Il sito è online dal marzo 1998
Pagine visitate
da maggio 2003:
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi13402
mod_vvisit_counterIeri33836
mod_vvisit_counterQuesta settimana125155
mod_vvisit_counterQuesto mese905533

Ci sono: 162 visitatori, 73 bots online
Il tuo IP: 54.227.62.141
 , 
Oggi:23-Apr-2014

10357 documenti in banca dati

Benvenuti in LEXAMBIENTE !

Questo sito offre gratuitamente una costante informazione su tutto ciò che riguarda il diritto dell'ambiente. Il sito si basa sul libero scambio di informazioni ed il materiale fornito proviene dal curatore e dagli stessi frequentatori. 
Lexambiente non vende nulla, non è collegato con studi legali o di consulenza, non offre altro che informazioni ed opera in piena libertà anche in collaborazione con Legambiente ed altri Enti ed associazi
oni.
La collaborazione è aperta a tutti e il materiale pubblicato in questo spazio è liberamente utilizzabile per fini non commerciali a condizione che venga citata la fonte: Lexambiente - www.lexambiente.it

Il forum è il punto di incontro della comunità di Lexambiente.
Frequentato da esperti e semplici "curiosi" del diritto ambientale, è il luogo in cui si incontrano le diverse professionalità, si scambiano opinioni e si affrontano specifiche questioni giuridiche. La consultazione è libera, la partecipazione attiva è riservata agli utenti registrati.

Visita il forum

Lexambiente viene aggiornato quotidianamente. Se vuoi comodamente ricevere nella tua casella di posta elettronica le ultime novità della settimana, puoi iscriverti alla newsletter che conterrà una sintesi degli ultimi articoli inseriti ed il link per aprirli
Una valida alternativa alla newsletter sono i feed
con i quali puoi seguire anche singole materie.
Iscriviti alla newsletter     Scopri i feed RSS

La collaborazione a Lexambiente è aperta a tutti. 
Se vuoi inviare un articolo originale su uno dei temi trattati o vuoi pubblicare un tuo articolo già diffuso su una rivista giuridica cartacea invialo, in formato testo (preferibilmente diverso dal pdf) all'indirizzo email lexambiente@tiscali.it

Lexambiente ha migliaia di documenti nel database. 
Quelli in home page sono soltanto gli ultimi pubblicati! 
Per cercare uno o più documenti utilizza il motore di ricerca interno (accessibile ai soli utenti registrati). Puoi anche effettuare la ricerca selezionando una singola sezione o categoria o attraverso l'archivio coronologico.

Corri a far parte della comunità di Lexambiente registrandoti. E' gratis!
Avrai accesso a tutte le funzionalità del sito.
Come Utente Registrato puoi:
- Postare commenti con il tuo nome nel forum
- Accedere ai Downloads
- Inviare Messaggi Privati
- e molto altro ancora...

Vai alla pagina di registrazione

Welcome into  "Lexambiente".


That is a daily up-to-date review on Law and Environment.
It contains all the latest issues of italian legislation and jurisprudence on environment, as well as reviews and records of articles published on law magazines and links.
We welcome also in a proper place all the "readers" contributions as articles, letters, opinions, suggestions - in foreign languages as well - with regards to the defence of Environment.
You can get into communication with us through the e.mail address
Have a nice surfing!

Urbanistica - Dottrina

La finalità del Testo Unico dell'edilizia

di Massimo GRISANTI

 

Leggi tutto...

 
Sviluppo sostenibile - Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, Sez. V, n. 1179, del 13 marzo 2014
Sviluppo sostenibile.Deliberazione n. 42/2002 dell’A.E.E.G condizioni in presenza delle quali l’energia prodotta è “cogenerata”

Le prescrizioni della deliberazione n. 42 del 2002 dell’A.E.E.G. sono assunte in applicazione del d.lgs. n. 79 del 1999. La funzione di tale deliberazione non è quella di dettare criteri generali che devono essere rispettati nella costruzione e nell’esercizio delle centrali a fonti alternative ma di indicare quali sono le condizioni in presenza delle quali l’energia prodotta è “cogenerata” e, quindi, deve essere utilizzata in via prioritaria dai gestori delle reti. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese)

Leggi tutto...

 
Urbanistica - Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, Sez. V, n. 1331, del 17 marzo 2014
Urbanistica.Variante a concessione edilizia per edificio destinato ad impianto di zincatura

L’intero territorio comunale ovvero una parte preponderante di esso, non può essere inibita all’insediamento di industrie insalubri come definite ai sensi dell’art. 216 del T.U. approvato con R.D. 1265 del 1934. Tuttavia, la presenza di un’area a carattere prettamente storico o residenziale è di per sé sufficiente per fondare la legittimità del divieto all’insediamento medesimo stabilito dal Consiglio Comunale in sede di pianificazione urbanistica. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese).

Leggi tutto...

 
Ambiente in genere - Dottrina

Il trust nella pubblica amministrazione e, in particolare, nella materia ambientale.

di Alberto PIEROBON

Leggi tutto...

 
Urbanistica - Dottrina

Il termine massimo per ottenere il permesso a sanatoria
(Commento critico a TAR Toscana, sentenza n. 583 del 27/03/2014)

di Massimo GRISANTI

Leggi tutto...

 
Caccia e Animali - Corte Costituzionale

Corte Costituzionale, sent. 107 del 18 aprile 2014
Oggetto: Ambiente - Caccia - Norme della Regione Veneto - Interventi per il contenimento della presenza della fauna selvatica nei territori preclusi all'esercizio della attività venatoria - Metodi ecologici a carattere selettivo per il controllo della fauna selvatica nelle zone vietate alla caccia e, ove accertata la loro inefficacia, relativi piani di abbattimento - Individuazione e definizione da parte dagli enti titolari delle funzioni di gestione faunistica sui rispettivi territori preclusi all'esercizio della attività venatoria, sentito il parere dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA); Inadempimenti degli enti titolari delle funzioni di gestione faunistica - Nomina da parte del Presidente della Giunta regionale di un Commissario ad acta che provvede in via sostitutiva; Individuazione dei soggetti abilitati all'attuazione dei piani di abbattimento.

Dispositivo: illegittimità costituzionale parziale - non fondatezza

Leggi tutto...

 
Elettrosmog - Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, Sez. III, n. 1361, del 19 marzo 2014
Elettrosmog.SRB illegittimità obbligo conferma della validità dell’autorizzazione posseduta alla data di entrata in vigore del regolamento comunale

Esula dai poteri riconosciuti dall’art. 8, comma 6, della l. n. 36/2001 ai Comuni la potestà di aggravare, senza che ve ne siano le specifiche ragioni da tale legge previste, il procedimento finalizzato al rilascio dei titoli abilitativi contemplati dal Codice delle Comunicazioni Eletrtroniche, onerando gli operatori, di nuove e/o periodiche procedure di “conferma” di titoli già validi ed efficaci, ai sensi della normativa nazionale, sotto comminatoria di decadenza, dato che tale potestà non si può mai tradurre nel potere di sospendere la efficacia e validità dei titoli abilitativi formati e di incidere, come appunto accade nel caso di specie, sul procedimento di formazione della d.i.a. presentata per l’ammodernamento tecnologico dell’impianto, così introducendo un’inammissibile misura di carattere generale, sostanzialmente cautelativa rispetto alle emissioni derivanti dagli impianti di telefonia mobile. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese).

Leggi tutto...

 
Urbanistica - Giurisprudenza Amministrativa TAR

TAR Piemonte, Sez. II, n. 417, del 11 marzo 2014
Urbanistica.Distanza minima tra pareti finestrate e corpi avanzati aggettanti

La giurisprudenza ha ripetutamente affermato che, ai fini dell’applicazione della distanza minima tra pareti finestrate prescritta dall’art. 9 del D.M. n. 1444 del 1968, rientrano nel concetto civilistico di costruzioni le parti dell’edificio, quali scale, terrazze e corpi avanzati aggettanti che, seppure non corrispondano a volumi abitativi coperti, sono destinate ad estendere ed ampliare la consistenza del fabbricato; e che, al contrario, non sono computabili le sporgenze estreme del fabbricato che abbiano funzione meramente ornamentale, di finitura od accessoria di limitata entità, come le mensole, le lesene, i cornicioni, le grondaie e simili. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese).

Leggi tutto...

 
Ambiente in genere - Dottrina

Verso un uso piu` consapevole della tutela pre-cautelare?
(nota a CdS n. 6250/2013)

di Chiara PREVETE

Leggi tutto...

 
Beni Ambientali - Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, Sez. IV, n. 1338, del 19 marzo 2014
Beni Ambientali.Legittimità diniego nulla osta dell'Ente Parco per edificio abusivo con domanda di sanatoria precedente all’istituzione del vincolo

Secondo i principi sanciti dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con la sentenza 22 luglio 1999, n. 20, secondo cui la circostanza che il vincolo sia sopravvenuto rispetto all'edificazione non può condurre a "considerare del tutto inesistente un vincolo di inedificabilità totale", ricadendo nella previsione di carattere generale contenuta nel primo comma dell'art. 32 della legge n. 47/1985, secondo cui "il rilascio del titolo abilitativo edilizio in sanatoria per opere eseguite su immobili sottoposti a vincolo è subordinato al parere favorevole delle amministrazioni preposte alla tutela del vincolo stesso", parere che va acquisito a prescindere dal requisito della anteriorità dell'opera rispetto al vincolo. In attuazione del principio tempus regit actum, invero, "l'obbligo di pronuncia da parte dell'autorità preposta alla tutela del vincolo sussiste in relazione alla esistenza del vincolo al momento in cui deve essere valutata la domanda di sanatoria, a prescindere dall'epoca d'introduzione del vincolo. E appare altresì evidente che tale valutazione corrisponde alla esigenza di vagliare l'attuale compatibilità, con il vincolo, dei manufatti realizzati abusivamente". La situazione non muta per effetto della normativa introdotta con il decreto legge n. 269/2003 ed, in particolare, della norma transitoria di cui al comma 43 bis, dovendosi comunque ritenere dovuto, anche in base alla disciplina previgente, l’assolvimento “dell’onere procedimentale di acquisire il prescritto parere dell’autorità preposta alla tutela del vincolo in ordine alla assentibilità della domanda di sanatoria, a prescindere dall'epoca d'introduzione del vincolo, tale valutazione essendo funzionale all’esigenza di vagliare l'attuale compatibilità dei manufatti realizzati abusivamente con lo speciale regime di tutela del bene compendiato nel vincolo. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese).

Leggi tutto...

 
Urbanistica - Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, Sez. IV, n. 1220, del 13 marzo 2014
Urbanistica.Rapporto tra rilascio certificato di agibilità e rispetto delle norme edilizie ed urbanistiche

Il certificato di agibilità ha la funzione di accertare che l’immobile al quale si riferisce è stato realizzato nel rispetto delle norme tecniche vigenti in materia di sicurezza, salubrità, igiene, risparmio energetico degli edifici e degli impianti (come espressamente recita l’art. 24 del Testo unico dell’edilizia), mentre il rispetto delle norme edilizie ed urbanistiche è oggetto della specifica funzione del titolo edilizio. Il che comporta che i diversi piani ben possano convivere sia nella forma fisiologica della conformità dell’edificio ad entrambe le tipologie normative, sia in quella patologica di una loro divergenza, per cui, in episodi giurisprudenziali si è affermata l’illegittimità del diniego della agibilità motivato unicamente con la difformità dell’immobile dal progetto approvato, oppure, in senso opposto, l’irrilevanza del rilascio del certificato di agibilità come fatto ostativo al potere del sindaco di reprimere abusi edilizi, o alla revoca di un eventuale precedente ordine di demolizione delle opere. (Segnalazione e massima a cura di F. Albanese)

Leggi tutto...

 
Novità dal Forum
I reati edilizi
Feed RSS

Vuoi ricevere le ultime notizie pubblicate da Lexambiente direttamente sul tuo computer ?

Utilizza i Feed RSS! Per ulteriori informazioni clicca qui

Nelle librerie
Lexambiente nel mondo

Dubai (UAE) Police Academy vedi

La IOWA University (USA)
a Roma e Tivoli vedi

Keisuke Tsurumi Giappone (Università di Tokio) vedi

Prof. Hector Jorge Bibiloni (Univ. Buenos Aires) vedi

Internazionale

Sito della Rete Latino-Americana dei
Pubblici Ministeri Ambientali
VAI