Home

Benvenuto - Apri

BENVENUTI IN LEXAMBIENTE

Questo sito offre gratuitamente una costante informazione su tutto ciò che riguarda il diritto dell'ambiente. Il sito si basa sul libero scambio di informazioni ed il materiale fornito proviene dal curatore e dagli stessi frequentatori. Lexambiente non vende nulla, non è collegato con studi legali o di consulenza, non offre altro che informazioni ed opera in piena libertà anche in collaborazione con Legambiente ed altri Enti ed associazioni. La collaborazione è aperta a tutti e il materiale pubblicato in questo spazio è liberamente utilizzabile per fini non commerciali a condizione che venga citata la fonte: Lexambiente - www.lexambiente.it

Welcome into "Lexambiente".
That is a daily up-to-date review on Law and Environment. It contains all the latest issues of italian legislation and jurisprudence on environment, as well as reviews and records of articles published on law magazines and links. We welcome also in a proper place all the "readers" contributions as articles, letters, opinions, suggestions - in foreign languages as well - with regards to the defence of Environment. You can get into communication with us through the e.mail address. Have a nice surfing!

 

 

ALTRE INFORMAZIONI PER INIZIARE

Benvenuto!
Apri
Cass. Sez. 3, Sentenza n. 38136 del 25/09/2001 Ud. (dep. 24/10/2001 ) Rv. 220351
Presidente: Accattatis V. Estensore: Onorato P. Imputato: Triassi P. P.M. Di Zenzo C. (Diff.)
(Annulla senza rinvio, App.Palermo, 26 marzo 2001).
EDILIZIA - COSTRUZIONE EDILIZIA - Reato di costruzione abusiva - Natura di reato permanente - Momento di cessazione della permanenza - Individuazione.

Il reato di costruzione abusiva ha natura permanente per tutto il tempo in cui continua l'attività edilizia illecita, ed il suo momento di cessazione va individuato o nella sospensione di lavori, sia essa volontaria o imposta "ex auctoritate", o nella ultimazione dei lavori per il completamento dell'opera o, infine, nella sentenza di primo grado ove i lavori siano proseguiti dopo l'accertamento e sino alla data del giudizio.

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Udienza pubblica
Dott. VINCENZO ACCATTATIS - Presidente - del 25/09/2001
Dott. PIERLUIGI ONORATO - est. Consigliere - SENTENZA
Dott. SAVERIO MANNINO - Consigliere - N. 2617
Dott. CLAUDIA SQUASSONI - Consigliere - REGISTRO GENERALE
Dott. AMEDEO FRANCO - Consigliere - N. 29154/2001
ha pronunciato la seguente

SENTENZA
sul ricorso proposto da
TRIASSI Paola, nata a Ribera il 7.1.1911,
avverso la sentenza resa il 26.3.2001 dalla corte d'appello di Palermo.
Vista la sentenza denunciata e il ricorso,
Udita la relazione svolta in udienza dal consigliere Dott. Pierluigi Onorato,
Udito il pubblico ministero in persona del sostituto procuratore generale Dott. Carmine Di Zenzo, che ha concluso chiedendo il rigetto del ricorso,
Udito il difensore dell'imputato, avv. Giacomo Di Grado, che ha insistito nel ricorso, Osserva:
In fatto e in diritto
1 - Con la sentenza in epigrafe la corte d'appello di Palermo ha confermato in punto di responsabilità quella resa il 20.1.2000 dal tribunale di Sciacca, che aveva condannato Paola Triassi a pena di giustizia quale colpevole del reato di cui all'art. 20 lett. b) legge 47/1985.
2 - Il difensore dell'imputata ha presentato ricorso per cassazione, deducendo inosservanza della legge penale e difetto di motivazione in ordine alla cessazione temporale dei lavori edilizi e alla conseguente prescrizione del reato.
3 - Va preliminarmente osservato che, secondo quanto risulta dalla sentenza impugnata, il reato è stato accertato in Ribera il 26.3.1997, mentre il manufatto è stato sequestrato l'11.4.1997. La Triassi, già nell'atto di appello, ha sostenuto che l'attività edilizia era stata sospesa sin dal 1995, sicché il reato doveva ritenersi estinto per prescrizione.
La corte palermitana ha respinto la tesi difensiva, osservando in fatto che al momento del sequestro l'immobile non era stato completato e in diritto che la permanenza del reato si protrae sino alla ultimazione dei lavori, compresi quelli di rifinitura. L'argomentazione giuridica della corte territoriale non è corretta, perché in linea di principio il reato permane sinché dura in concreto l'attività edilizia e può accadere che questa attività sia interrotta prima dell'ultimazione dell'edificio e non più ripresa sino all'accertamento del reato e al sequestro del cantiere edile.
In altri termini, il reato di costruzione abusiva, che ha natura permanente, perdura sino a che continua nel tempo l'illecita attività edilizia: più precisamente, questa cessa a) Con la sospensione dei lavori (sia essa volontaria o imposta ex autoritate), b) con l'ultimazione dei lavori per completamento dell'opera, c) con la sentenza di primo grado, se i lavori continuano dopo l'accertamento del reato e sino alla data del giudizio. Tanto premesso, va osservato che, nel caso di specie, entrambi i giudici di merito hanno accertato da una parte che i lavori non erano stati ultimati, ma dall'altra che i lavori non erano più in corso alla data dell'accertamento (26.3.1997): il cantiere - come risulta anche dalla documentazione fotografica in atti - non era più aperto. I giudici non hanno però accertato quando i lavori erano stati spontaneamente sospesi (secondo l'imputata sin dal 1995). Senza questo riscontro probatorio, il reato deve dichiararsi prescritto in base al principio in dubio pro reo.
P.Q.M.
la corte annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il reato è estinto per prescrizione.
Così deciso in Roma, il 25 settembre 2001.
Depositato in Cancelleria il 24 ottobre 2001

Nelle pagine interne

In libreria

Edizione 2014

informazioni

Newsletter di lexambiente.it


Per ricevere periodicamente notizia degli aggiornamenti del sito puoi iscriverti alla newsletter di Lexambiente che viene di regola inviata con cadenza settimanale.
E' una newsletter dinamica contenente gli ultimi articoli inseriti e viene inviata in formato HTML con link cliccabili che portano direttamente all'articolo selezionato.
ATTENZIONE: alcuni servizi di posta elettronica bloccano la newsletter, assicurati che il tuo non sia tra questi

Pagine Visitate

0.png8.png9.png2.png7.png9.png7.png9.png2.png
Oggi503
Ieri1529
Questa Settimana8634
Questo Mese44003
Totali (dal 2003)89279792

Visitor Info

  • IP: 216.70.122.73
  • Browser: unknown
  • Browser Version: unknown
  • Operating System: unknown

Online ora

47
Visitatori

Sabato, 28 Febbraio 2015 23:58
11230 documenti presenti in banca dati

Novità dal Forum

Urbanistica, beni ambientali e culturali revoca concessione demaniale e nuovi interventi edilizi (1)
mrpino66 > 28-2-2015 22:31

Pratica (rifiuti) ALBO GESTORI -DIRITTI ISCRIZIONE- INGIUSTIZIA (1)
Aragonese > 27-2-2015 19:07

Questioni generali (rifiuti) Fresato d'asfalto tra Cassazione e consiglio di stato (16)
Cesare > 27-2-2015 16:36

Questioni giuridiche (acque) DPR n.227/2011: art 2 & discipline regionali (8)
ecoacque > 25-2-2015 20:47

Questioni giuridiche (acque) Diffida ad adempiere concessione pozzi Puglia (1)
AgroAngelo > 23-2-2015 19:42

Alimenti, biodiversità e tutela dei consumatori Etichettatura alimenti e scadenze (2)
Cesare > 20-2-2015 16:33

V.i.a. - v.a.s. - IPPC - A.I.A. AUA - ambito di applicazione (122)
Cesare > 19-2-2015 18:00

Aspetti operativi (Pol. Giud.) rifiuto assimilabile all'urbano (4)
Cesare > 15-2-2015 18:22

Pratica (rifiuti) Registro oli (3)
Eleonora_DEAINGEGNERIA > 13-2-2015 16:45

T. U. ambientale (acque) ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E PRIMA PIOGGIA: SANZIONI (29)
tsgio66 > 13-2-2015 8:10

Richiesta sentenze e leggi

Se non hai trovato nella sezione "Cerca nel sito" un testo di legge o una sentenza scrivi a Lexambiente.
Lo riceverai gratuitamente via posta elettronica.
Quanto da te richiesto verrà poi inserito nell'archivio a disposizione di tutti gli utenti.

Leggi le istruzioni qui