Newsletter

La Newsletter di Lexambiente
Notizie sugli aggiornamenti del sito
QUI

Edizione 2013

Edizione 2013 Aggiornata

informazioni

Il sito è online dal marzo 1998
Pagine visitate
da maggio 2003:
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi17174
mod_vvisit_counterIeri44292
mod_vvisit_counterQuesta settimana61466
mod_vvisit_counterQuesto mese848707

Ci sono: 1021 visitatori, 71 bots online
Il tuo IP: 216.70.122.78
 , 
Oggi:22-Dic-2014

11076 documenti in banca dati

Urbanistica - Cassazione Penale
New Page 1

Sez. 3, Sentenza n. 29253 del 24/06/2005 Ud. (dep. 03/08/2005 ) Rv. 231951
Presidente: Savignano G. Estensore: Sarno G. Relatore: Sarno G. Imputato: Di Maio Egidio ed altro. P.M. Meloni VD. (Parz. Diff.)
(Dichiara inammissibile, App. Napoli, 19 Febbraio 1998)
EDILIZIA - COSTRUZIONE EDILIZIA - Costruzione abusiva - Procedimento per violazioni edilizie - Presentazione di condono edilizio - Ordinanza di sospensione del procedimento - Emessa legittimamente - Successiva carenza dei requisiti per l'applicazione della causa estintiva - Sospensione della prescrizione - Legittimità.

In materia edilizia, nell'ipotesi in cui il procedimento penale per violazioni edilizie sia stato sospeso, a seguito della presentazione della domanda di condono edilizio, con ordinanza emessa legittimamente al momento della sua pronuncia, il successivo accertamento della inesistenza dei requisiti per l'applicazione della causa estintiva non produce effetti sulla intervenuta sospensione del corso della prescrizione. (Fonte CED cassazione)

New Page 1

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Udienza pubblica
Dott. SAVIGNANO Giuseppe - Presidente - del 20/06/2005
Dott. ZUMBO Antonio - Consigliere - SENTENZA
Dott. POSTIGLIONE Amedeo - Consigliere - N. 01394
Dott. FIALE Aldo - Consigliere - REGISTRO GENERALE
Dott. SARNO Giulio - Consigliere - N. 018731/1998
ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
1) DI MAIO EGIDIO, N. IL 12/01/1938;
2) VETRIOLO GENEROSA, N. IL 20/11/1940;
avverso SENTENZA del 19/02/1998 CORTE APPELLO di NAPOLI;
visti gli atti, la sentenza ed il procedimento;
udita in PUBBLICA UDIENZA la relazione fatta dal Consigliere Dott. SARNO GIULIO;
Udito il P.M. nella persona del Dott. MELONI Vittorio che ha concluso: inammissibilità del ricorso del Di Maio, annullamento con rinvio, quanto al ricorso del Vetriolo.
OSSERVA
Vetriolo Generosa e Di Maio Egidio hanno proposto ricorso per Cassazione avverso la sentenza emessa in data 19.2.1998 dalla Corte di appello di Napoli, con la quale, in parziale riforma della sentenza emessa dal pretore di Castellammare di Stabia, venivano condannati ciascuno alla pena di anni uno, mesi 2 di reclusione e lire 400 mila di multa per i reati previsti e puniti dall'art. 20 lett. c) l. n. 47/85 in relazione all'art. 1 sexies l. 431/1985, e dagli articoli 110, 61 n. 2, 349, comma 2 cp, previa concessione delle attenuanti generiche dichiarate equivalenti alla contestata aggravante.
I ricorrenti eccepiscono i seguenti motivi:
1) mancanza di motivazione in ordine alla ritenuta responsabilità penale di Vetriolo Generosa per il reato di cui all'art. 20 lett. c) l. n. 47/85;
2) inosservanza dell'art. 129, comma 1 c.p.p., in relazione all'art. 157, comma 1 n. 5 c.p. per il reato di cui all'art. 20 lett. c) l. n. 47/85.
Il ricorso è inammissibile.
Va, anzitutto rilevato che i fatti contestati risalgono all'ottobre 1991.
Il procedimento risulta sospeso dal Pretore di Castellammare dal 16.12.1994 al 14.3.1997.
In risposta alla richiesta di informazioni da parte di questa Corte, l'Ufficio Condono Edilizio del Comune di Castellammare di Stabia, con nota pervenuta in data 30 marzo 2005, ha comunicato quanto segue:
Il signor di Maio Egidio, unitamente ai signori di Maio Vincenzo, di Maio Loredana Paolo, De Gennaro Lauro e D'Aniello Pasquale, ha presentato istanza di condono ai sensi del a legge n. 724/94 per l'abuso in questione.
L'oblazione calcolata dal comune e pari a euro 41.030,09 è stata interamente versata dal signor di Mario Egidio.
Quest'ultimo, benché richiesto di produrre la rendita catastale degli immobili oggetto di condono per il calcolo del danno ambientale e di pagare la somma di euro 86.489,68 per oneri concessori, non risulta, tuttavia, avere provveduto al riguardo, nonostante il rilascio del permesso di costruire sanatoria fosse espressamente subordinato a tali adempimenti.
Appare ineccepibile, dunque, la sospensione del procedimento per il periodo necessario alla definizione della procedura di condono, in quanto correttamente avviata con l'iniziale pagamento della somma determinata dal Comune, anche se mai conclusa, ed appare, pertanto, manifestamente infondata, in quanto contraria all'indirizzo costante di questa Corte, la tesi posta alla base del secondo motivo di ricorso secondo la quale il termine di prescrizione doveva ricominciare a decorrere dalla data in cui era stata presentata la domanda.
Al riguardo si è più volte affermato, infatti, che nell'ipotesi in cui la sospensione del procedimento per reati edilizi sia stata dichiarata legittimamente al momento della sua pronuncia, in quanto ne ricorrevano i presupposti stabiliti dagli art. 31 e 38 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, il successivo accertamento della inesistenza dei requisiti per l'applicazione della causa estintiva della contravvenzione non fa venir meno la correttezza dell'iniziale ordinanza sospensiva e, quindi, gli effetti, ad essa connessi, della conseguente sospensione della prescrizione (Sez. 3, Ordinanza n. 2387 del 11/11/1993 Rv. 196312; Sez. 3, Sentenza n. 8536 del 18/05/2000 Rv. 217754).
Manifestamente infondato appare anche l'altro motivo di ricorso. La corte di merito richiama sul punto della responsabilità della Generoso le deposizioni testimoniali dei verbalizzanti e dei tecnici comunali, compiutamente indicati nell'impugnata sentenza, nonché le riproduzioni fotografiche ed i verbali di sequestro dai quali risulta anche la continuata violazione dei sigilli, reato quest'ultimo evidentemente strumentale rispetto alla violazione edilizia e, per il quale, peraltro, nessuna doglianza risulta formulata nell'interesse della ricorrente.
Ritiene, dunque, il Collegio che in nessun modo possa essere ravvisato il vizio di mancanza di motivazione su punto. P.Q.M.
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese processuali e, singolarmente, della somma di euro 500 in favore della cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, il 24 giugno 2005.
Depositato in Cancelleria il 3 agosto 2005

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Udienza pubblica Dott. SAVIGNANO Giuseppe - Presidente - del 20/06/2005 Dott. ZUMBO Antonio - Consigliere - SENTENZA Dott. POSTIGLIONE Amedeo - Consigliere - N. 01394 Dott. FIALE Aldo - Consigliere - REGISTRO GENERALE Dott. SARNO Giulio - Consigliere - N. 018731/1998 ha pronunciato la seguente: SENTENZA sul ricorso proposto da: 1) DI MAIO EGIDIO, N. IL 12/01/1938; 2) VETRIOLO GENEROSA, N. IL 20/11/1940; avverso SENTENZA del 19/02/1998 CORTE APPELLO di NAPOLI; visti gli atti, la sentenza ed il procedimento; udita in PUBBLICA UDIENZA la relazione fatta dal Consigliere Dott. SARNO GIULIO; Udito il P.M. nella persona del Dott. MELONI Vittorio che ha concluso: inammissibilità del ricorso del Di Maio, annullamento con rinvio, quanto al ricorso del Vetriolo. OSSERVA Vetriolo Generosa e Di Maio Egidio hanno proposto ricorso per Cassazione avverso la sentenza emessa in data 19.2.1998 dalla Corte di appello di Napoli, con la quale, in parziale riforma della sentenza emessa dal pretore di Castellammare di Stabia, venivano condannati ciascuno alla pena di anni uno, mesi 2 di reclusione e lire 400 mila di multa per i reati previsti e puniti dall'art. 20 lett. c) l. n. 47/85 in relazione all'art. 1 sexies l. 431/1985, e dagli articoli 110, 61 n. 2, 349, comma 2 cp, previa concessione delle attenuanti generiche dichiarate equivalenti alla contestata aggravante. I ricorrenti eccepiscono i seguenti motivi: 1) mancanza di motivazione in ordine alla ritenuta responsabilità penale di Vetriolo Generosa per il reato di cui all'art. 20 lett. c) l. n. 47/85; 2) inosservanza dell'art. 129, comma 1 c.p.p., in relazione all'art. 157, comma 1 n. 5 c.p. per il reato di cui all'art. 20 lett. c) l. n. 47/85. Il ricorso è inammissibile. Va, anzitutto rilevato che i fatti contestati risalgono all'ottobre 1991. Il procedimento risulta sospeso dal Pretore di Castellammare dal 16.12.1994 al 14.3.1997. In risposta alla richiesta di informazioni da parte di questa Corte, l'Ufficio Condono Edilizio del Comune di Castellammare di Stabia, con nota pervenuta in data 30 marzo 2005, ha comunicato quanto segue: Il signor di Maio Egidio, unitamente ai signori di Maio Vincenzo, di Maio Loredana Paolo, De Gennaro Lauro e D'Aniello Pasquale, ha presentato istanza di condono ai sensi del a legge n. 724/94 per l'abuso in questione. L'oblazione calcolata dal comune e pari a euro 41.030,09 è stata interamente versata dal signor di Mario Egidio. Quest'ultimo, benché richiesto di produrre la rendita catastale degli immobili oggetto di condono per il calcolo del danno ambientale e di pagare la somma di euro 86.489,68 per oneri concessori, non risulta, tuttavia, avere provveduto al riguardo, nonostante il rilascio del permesso di costruire sanatoria fosse espressamente subordinato a tali adempimenti. Appare ineccepibile, dunque, la sospensione del procedimento per il periodo necessario alla definizione della procedura di condono, in quanto correttamente avviata con l'iniziale pagamento della somma determinata dal Comune, anche se mai conclusa, ed appare, pertanto, manifestamente infondata, in quanto contraria all'indirizzo costante di questa Corte, la tesi posta alla base del secondo motivo di ricorso secondo la quale il termine di prescrizione doveva ricominciare a decorrere dalla data in cui era stata presentata la domanda. Al riguardo si è più volte affermato, infatti, che nell'ipotesi in cui la sospensione del procedimento per reati edilizi sia stata dichiarata legittimamente al momento della sua pronuncia, in quanto ne ricorrevano i presupposti stabiliti dagli art. 31 e 38 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, il successivo accertamento della inesistenza dei requisiti per l'applicazione della causa estintiva della contravvenzione non fa venir meno la correttezza dell'iniziale ordinanza sospensiva e, quindi, gli effetti, ad essa connessi, della conseguente sospensione della prescrizione (Sez. 3, Ordinanza n. 2387 del 11/11/1993 Rv. 196312; Sez. 3, Sentenza n. 8536 del 18/05/2000 Rv. 217754). Manifestamente infondato appare anche l'altro motivo di ricorso. La corte di merito richiama sul punto della responsabilità della Generoso le deposizioni testimoniali dei verbalizzanti e dei tecnici comunali, compiutamente indicati nell'impugnata sentenza, nonché le riproduzioni fotografiche ed i verbali di sequestro dai quali risulta anche la continuata violazione dei sigilli, reato quest'ultimo evidentemente strumentale rispetto alla violazione edilizia e, per il quale, peraltro, nessuna doglianza risulta formulata nell'interesse della ricorrente. Ritiene, dunque, il Collegio che in nessun modo possa essere ravvisato il vizio di mancanza di motivazione su punto. P.Q.M. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese processuali e, singolarmente, della somma di euro 500 in favore della cassa delle ammende. Così deciso in Roma, il 24 giugno 2005. Depositato in Cancelleria il 3 agosto 2005

 
In libreria

Edizione 2014

informazioni

Novità dal Forum
Richiesta sentenze e leggi

Se non hai trovato nella sezione "Cerca nel sito" un testo di legge o una sentenza scrivi a Lexambiente. 
Lo riceverai gratuitamente via posta elettronica.
Quanto da te richiesto verrà poi inserito nell'archivio a disposizione di tutti gli utenti.

Leggi le istruzioni qui
Twitter Image
Feed RSS

Vuoi ricevere le ultime notizie pubblicate da Lexambiente direttamente sul tuo computer ?

Utilizza i Feed RSS! Per ulteriori informazioni clicca qui

Lexambiente nel mondo

Dubai (UAE) Police Academy vedi

La IOWA University (USA)
a Roma e Tivoli vedi

Keisuke Tsurumi Giappone (Università di Tokio) vedi

Prof. Hector Jorge Bibiloni (Univ. Buenos Aires) vedi